• Admin

Buon cammino verso la libertà!

Accolgo l’invito a scrivere qualcosa per i giovani, fin quando ci rientro!! In testa e nel cuore sento un urlo continuo dalla Giornata Mondiale della Gioventù di Madrid nel 2011 “Esta es la juventud del Papa!” Che meraviglia!! Quanto vorrei far sentire quelle voci e far vedere quei sorrisi ai tanti giovani che non credono più nella lotta per far luce sulla Verità.

Continuo ad ascoltarmi e penso ad altri ragazzi adolescenti africani che ho conosciuto questa estate in Sud Africa. I loro racconti mi parlano dei loro sogni, delle loro speranze, desideri e io li guardo, li ascolto pensando a come faranno ad essere così liberi di sognare proprio loro, che sanno perfettamente che il sogno quasi sicuramente rimarrà tale. Avrei voluto registrarli per ascoltarli tutte le volte che l’unico nostro pensiero è l’arrivare ad un obiettivo, alla meta, sempre alla rincorsa, alla sicurezza della vita che ancora non so quale sia, al guadagno per star sicuri nelle nostre mille maschere.

E poi sento la voce di un ragazzo di nome Riccardo malato terminale di cancro. L’ho conosciuto un paio di estati fa grazie ai volontari della Zia Caterina, abbiamo passato una serata fantastica insieme, siamo stati a ballare ed eravamo “sbronzi di vita” con un succo di frutta e risate a piovere. Quando lo riportammo a casa con le lacrime di gioia agl’occhi ci disse “GRAZIE sono troppo felice ed è stata una delle serate più belle della mia vita”. L’energia, la vita e l’Amore che ho sentito in quel momento vorrei ricordalo tutte le volte che alziamo il volume della musica per non ascoltarci, tutte le volte che si sceglie di non pensare e bere un po’ di più per non ubriacarci troppo di vita vera.

Mi ritengo una giovane molto fortunata perché Qualcuno mi ha fatto sentire molto bene quanto Amore esiste, quanto ne possiamo ricevere da Lui e quanto ne possiamo dare! Mi è capitata una frase di Madre Teresa di Calcutta che dice: ‘’Sorridetevi, sorridete a vostra moglie, sorridete a vostro marito, sorridete ai vostri figli, sorridete: non importa a chi, ma vi aiuterà a sentire più amore l’uno per l’altro”. Penso che il bisogno più grande di un giovane sia proprio la semplicità e la meraviglia di un sorriso.

Il “non abbiate paura” di Giovanni Paolo II è un grande urlo che dovremmo ricordarci e viverlo alla lettera. Cari coetanei e non, se proviamo veramente ad essere chi Lui ha creato, senza maschere, unici così come siamo anche con i nostri peccati, possiamo davvero attraversare un deserto e non temere, camminare nel fuoco e non essere bruciati. Vorrei fidarmi così ed è il più grande augurio che faccio per le nostre vite. Buon cammino verso la libertà a tutti.  :)

Costanza

0 visualizzazioni
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now