Repubblica Ceca

01-Veduta-panoramica-di-Praga-con-il-fiu

«La Repubblica Ceca si trova non solo geograficamente, ma anche storicamente, nel cuore dell’Europa, ed è suddivisa nelle tre regioni Boemia, Moravia, Slesia: un territorio che lungo tutti i secoli è stato luogo di incontro di culture.

Nata in seguito alla scissione della Cecoslovacchia in due stati, la Repubblica Ceca è divenuta indipendente, come la Slovacchia, il 1° gennaio 1993. Lo stato ha una superficie di 78.864 km²; la capitale è Praga. 

Nel secolo scorso, la Repubblica Ceca ha sofferto sotto una dittatura comunista particolarmente rigorosa, ma ha anche avuto una resistenza, sia cattolica che laica, di grandissimo livello. Personalità di grandissimo prestigio come i cardinali Vlk, Tomášek e Vaclav Havel hanno realmente dato all’Europa un messaggio di che cosa sia la libertà e di come dobbiamo vivere e lavorare in essa.

Oggi è un Paese molto secolarizzato, in cui la Chiesa cattolica è una minoranza chiamata però a comprendersi come minoranza creativa, con un’eredità di valori che non sono 'cose del passato', ma realtà molto viva ed attuale.

“Una Chiesa che può contribuire in diversi settori. Innanzitutto quello del dialogo intellettuale, etico ed umano tra agnostici e credenti. Ambedue hanno bisogno dell’altro: l’agnostico non può essere contento di non sapere se Dio esiste o no, ma deve essere in ricerca e sentire la grande eredità della fede; il cattolico non può accontentarsi di avere la fede, ma deve essere alla ricerca di Dio, ancora di più, e nel dialogo con gli altri ri-imparare Dio in modo più profondo. Nel settore educativo, la Chiesa ha molto da fare e da dare;  deve di nuovo attualizzare, concretizzare, aprire per il futuro la sua grande eredità" (Benedetto XVI:  intervista concessa ai giornalisti in occasione della sua visita nel 2009)